Koplik

Unita Amminstrative Koplik
– Malësi e Madhe

L’unità amministrativa “Qender” (che significa Centro) ha una superficie di 34,12 km2 con una popolazione di 6.300 abitanti. Oltre alla cittadina di Koplik, che è anche il capoluogo di tutta Malesi e Madhe, i villaggi dell’unità amministrativa Centro sono: Bogiq-Polvarë, Dobër, Jubicë, Kamicë-Flakë, Kalldrun, Koplik i Siperm.

In origine, la città di Koplik si chiamava Cupernik, poi Copernik, in seguito Cuplik e infine “Koplik”. Questa cittadina, che si estende per 9,3 km² con una popolazione di 11.600 abitanti, si trova a 17 km dalla città di Scutari, a 18 km dal confine con il Montenegro e 116 km da Tirana. Koplik si trova nella pianura di “Mbishkodra” (che letteramente vuol dire “Sopra-Scutari”), delimitata a est dalle montagne di Malësia e Madhe e ad ovest dal lago di Scutari. L’intera area in cui si trova la città di Koplik fa parte del bacino del lago di Scutari e in particolare della parte meridionale della delta del Përroit të Thatë (“Torrente Secco”).

Koplik risulta avere origini risalenti a 2000 anni fa. Nel 1792, la regione di Koplik fu data come “timar” (tassa ai tempi dell’impero Ottomano) ad una persona tramite decreto del sultano. Il cartografo e geografo francese Guillame Lejean la descrisse cosi quando si trasferì a Koplik: “… abbiamo intrapreso un percorso pieno di ombre e ci siamo fermati nel villaggio di Koplik, la capitale di una tribù di 4.500 abitanti, un tempo tutta cattolica, ma circa la metà ha abbracciato l’Islam. Sono un po’ musulmani ortodossi, è vero, perché hanno mantenuto una grande devozione per San Nicola e San Giorgio e accendono molte candele in loro onore”.

Un avvenimento storico da ricordare è la cosiddetta “guerra di Koplik” (1920), la resistanza del popolo albanese contro l’intervento militare jugoslavo nella regione di Scutari, che mirava a sottrarre all’Albania un’altra parte del suo territorio e  costringere il governo albanese a perseguire una politica filo-jugoslava. Dal 26 luglio al 21 agosto, le forze jugoslave occuparono diverse aree negli altopiani di Scutari e raggiunsero Koplik. A causa del contrattacco delle forze albanesi, gli aggressori furono costretti a ritirarsi al confine del 1913. Il 21 agosto, le forze jugoslave lanciarono una nuova offensiva e occuparono quasi tutta Malesi e Madhe, compreso Koplik. Di fronte alla determinata resistenza delle forze albanesi e isolato nell’arena internazionale, il governo jugoslavo fu costretto a ritirarsi.

Durante gli anni 1924-1948, Koplik è stata la prefettura di Malësia e Madhe mentre nel 1992 è stato dichiarato Comune.