SHKODRA LAKE TOUR

SHKODRA LAKE TOUR

Partendo da Koplik verso il villaggio di Sterbeq, dopo 10 minuti sarete sulla riva del lago di Scutari dove i pescatori vi aspettano. Seduti sulle loro barche, vi dirigerete verso “Syri i Sheganit” (l’occhio di Shegan). Durante la gita in barca sul lago di Scutari, i pescatori vi parleranno della loro vita quotidiana e dei pro e contro di questa professione. Una volta arrivati a destinazione, potete persino mangiare un pasto sul posto con le ricette del villaggio locale, incluso il pesce. Dopo essere tornati di nuovo a Sterbeq in barca, troverete l’autobus che vi riporterà a Koplik.

L’occhio di Shegan è una fonte carsica che si trova a Bajza, Malësi e Madhe, che è anche un monumento naturale. C’è acqua limpida e fresca proveniente dalle acque carsiche delle Alpi occidentali dell’Albania. Le esplorazioni in questa fonte da parte di subacquei stranieri hanno raggiunto la profondità di 180 m – dopo di che, sono stati costretti a tornare a causa della pressione dell’acqua. L’obiettivo dei sub era quello di trovare la connessione dell’occhio di Shegan con gli altri due stagni, perché si pensa che da qualche parte in profondità le loro acque si uniscano.

C’è un’alta biodiversità di piante, pesci, uccelli e altre creature viventi. Mrina (il nome in lingua popolare) è la pianta tipica di questo habitat, con un colore viola chiaro e un aroma caratteristico. Qui troviamo Bilbili i ujit, (Martin pescatore) un bellissimo uccello dagli audaci colori blu e arancio, che si nutre del pesce che esce dalle correnti d’acqua. Queste risorse creano un ambiente molto attraente con valori scientifici (idrologici, speleologici, geomorfologici), didattici, estetici e turistici.

Questi tre stagni possono essere paragonati a delle piscine naturali, dove è possibile nuotare. Tuttavia, si dovrebbe prestare molta attenzione alla loro profondità e alle bassa temperatura dell’acqua. Per un’esperienza ancora più magica, vi consigliamo di visitarli al tramonto.

Curiosità: La festa del pesce è organizzata il 13 aprile a “Syri i Sheganit”, all’inizio della stagione della riproduzione dei pesci. Dato che la pesca è vietata dalla legge durante questa stagione, nessun pasto a base di pesce viene servito durante questo giorno per simboleggiare il rispetto della comunità dei pescatori nei confronti del pesce e della natura.

La leggenda di Hordhana:

(Come ho sentito dai miei coetanei.) Si dice che i due hordhana (stagni) che vediamo oggi simboleggiano due case. Lo stagno grande era la casa di una famiglia benestante, mentre quello piccolo era la casa di una famiglia povera. Una notte di festa un mendicante bussa alla porta della casa della ricca famiglia, che lo caccia senza dargli nulla. Il mendicante allora va a bussare alla porta della casa della povera famiglia. Il proprietario della casa, sebbene non avesse nulla da dare ai bambini, invita il mendicante ad entrare. La padrona di casa aveva messo il kaki (un vecchio attrezzo per cucinare) sul fuoco e faceva finta di cuocere il pane, aspettando che i bambini si addormentassero. Il mendicante, che era un messaggero di Dio, dopo aver visto la difficile situazione della famiglia, dice alla padrona di casa: “Guarda il camino, il pane sta bruciando”. La signora sbalordita dalle sue parole, apre il suo camino e vede la kakia piena di pane. La famiglia si rallegra immensamente, ma dopo quella notte di festa,  le due case vennero inondato dall’acqua, creando così la Grande Hordhana e la Piccola Hordhana.

(Come l’ho sentito in un programma televisivo) Si dice che tre fratelli vivessero nella zona in tre case diverse. Uno dei fratelli si chiamava Shegan. Dopo aver attraversato il lago con una barchetta, un viaggiatore notturno arriva su queste rive. Sperando di passare la notte lì, bussa alle case di ciascuno dei fratelli. Dopo essere stato respinto da tutti e tre i fratelli, li maledice: “Se Dio vuole, vi diventa hordhane”. Nella vecchia lingua, la parola “hordhana” significa inondazione o luogo allagato, abisso. Dopo questa maledizione sono emerse i tre stagni, l’occhio di Shegan e le altre due hordhane.

CONTATTI:

+355 (0)69 571 9099

+355 (0)69 3710132

About Author

laxaro